Lo diciamo ormai da 4 gare a questa parte: questo è il Sassuolo che più ci piace! Le prestazioni sono importanti ma quando sono corredate anche da ottimi risultati è ancora meglio! La gara con il Torino, la prima del girone di ritorno, ha cambiato qualcosa nella consapevolezza dei ragazzi con le maglie neroverdi. La 'delusione' per un mercato che ha portato via un figlio neroverde come Alfred Duncan e ha visto arrivare un 'semi-sconosciuto' come Lukas Haraslin, lascia spazio alle grandi prestazioni sul campo del Sassuolo. La sfida col Toro, dicevamo, avrebbe potuto rappresentare una vera e propria svolta nel cammino del Sasol in questo campionato e, sin qui, è stato proprio così!

La rimonta con il Sassuolo avrebbe avuto poco significato se dopo non fossero arrivati questi risultati. Uno 0-0 ottenuto con le unghie e con i denti a Genova contro la Sampdoria, con la squadra ingiustamente in 10 per tre quarti di gara. La grande vittoria con la Roma per 4-2, forse il vero e proprio marchio di fabbrica di De Zerbi. Ieri, un'altra grande vittoria ottenuta con carattere, una peculiarità che a questa squadra è mancata in tante partite. E' il rischio di avere una squadra giovane, proprio per questo in estate sono arrivati anche elementi di una certa esperienza come Chiriches (purtroppo mai visto per infortunio), Obiang e gli altri.

Il Sassuolo contro la SPAL non si è disunito, ha continuato a fare il suo gioco e ha trovato gli spazi giusti per far male a una difesa organizzata e compatta. La SPAL, trovato il gol del vantaggio, ha abbassato il baricentro, difendendo con tanti uomini nella propria metà campo. La qualità maggiore degli uomini con la maglia neroverde però ha fatto la differenza. Da un guizzo del solito Boga è nato il calcio di rigore poi trasformato da Caputo per l'1-1. E nel finale, con pazienza da grande squadra, è arrivato l'1-2 con una splendida giocata Berardi-Boga, con annessa corsa 'alla Mourinho' per mister De Zerbi, che è andato ad abbracciare i suoi ragazzi. Non c'è tempo però per rilassarsi. Noi continuiamo a mantenere i piedi per terra nonostante i 10 punti nelle ultime 4 partite e le 2 vittorie consecutive raggiunte per la prima volta in stagione (non accadeva da settembre 2018). Come si dice? Non c'è due senza tre?

Sezione: Editoriali / Data: Lun 10 Febbraio 2020 alle 11:00
Autore: Antonio Parrotto / Twitter: @AntonioParr8
Vedi letture
Print