Francesco Palmieri, responsabile del settore giovanile del Sassuolo, ha fatto il punto della situazione sui giovani neroverdi, partendo dalla Primavera: "Non dobbiamo dimenticare da dove siamo partiti e cosa stiamo cercando di portare avanti - le sue parole a Nero&Verde - Penso sia stato fatto un buonissimo lavoro in questi anni, un lavoro globale di crescita a livello di settore giovanile, basti pensare che la Primavera fa parte della Primavera 1 dove possono partecipare le 16 migliori formazioni italiane. Lo abbiamo conquistato questo risultato, 3 anni fa, facendo un ottimo risultato e negli ultimi due anni abbiamo mantenuto la categoria che è importantissima non solo per il settore giovanile perché a volte si pensa che il settore giovanile sia staccato dalla società o dalla prima squadra, ma è parte integrante, è la seconda squadra del Sassuolo Calcio e le attenzioni devono essere poste sulla Primavera"

Il cammino della Primavera?
"Non siamo partiti bene, penalizzati da episodi e risultati. Nelle ultime due partite la squadra ha dato segnali di ripresa e di forza, ha fatto due vittorie importanti".

L'Under 18 è prima a punteggio pieno.
"E' un campionato sperimentale, bisogna dire le cose come stanno, perché i più forti 2002 tutte le Primavere cercano di portarli su o come succede tutte le settimane, qualcuno si sposta. Questo gruppo sta crescendo, stanno facendo risultati importanti ma il risultato più importante è portare più giocatori in Primavera, l'Under 18 è il serbatoio della Primavera".

Stesso discorso anche per l'Under 17?
"Il discorso è simile per Under17, 16 e 15, sono dei campionati di formazione. Il confronto domenicale con altre società ti fa capire se alzare l'asticella, quanto alzarla, come fare per migliorare il nostro settore giovanile".

Sezione: Settore Giovanile / Data: Mer 20 Novembre 2019 alle 20:27
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print