L'ex giocatore del Bologna Daniele Daino ha parlato al Corriere di Bologna, analizzando il momento dei rossoblù in vista del derby con il Sassuolo di domani al Mapei Stadium. Non sono mancati gli elogi ai due tecnici. Ecco le sue parole: "Il Bologna la prestazione la fa sempre. Davanti ha giocatori bravi, fantasiosi e imprevedibili come Orsolini e Palacio, ma sta venendo un po' meno l'equilibrio generale di squadra quando attaccano i rossoblù lo fanno bene, quando difendono stanno manifestando errori in marcatura che hanno fatto perdere qualche punto per strada".

Come si può risolvere il problema?
"A volte si è trattato di episodi, in generale credo che il Bologna debba continuare sulla strada intrapresa già lo scorso anno, correggendo e migliorando concentrazione e attenzione, specie nei difensori. Spesso il Bologna ha preso gol perdendo la marcatura, non per errori di reparto ma individuali".

Ha avuto problemi anche il Sassuolo: altra squadra propositiva, ma dietro imbarca acqua.
"Stimo molto De Zerbi e vedo spesso le partite dei neroverdi. Sia lui che Mihajlovic vogliono dominare la partita, poi chiaramente serve attenzione quando si perde palla, sulle coperture preventive e nelle scelte. Credo che in difesa abbia avuto più problemi il Sassuolo del Bologna: a qualche difensore neroverde la A va un po' larga e oltre a Demiral e Lirola, persi sul mercato, ci sono stati gli infortuni di Chiriches, Ferrari e Rogerio. Dietro non sono grandissimi marcatori e se sono attaccati in modo consistente si fanno trovare impreparati, come dimostrano i due gol a partita subiti di media".

Se dice Demiral e Lirola, potrei risponderle Lyanco e Pulgar.
"È vero, anche il Bologna ha perso un paio di pilastri. Forse è stata più pesante la perdita di Lyanco: il cileno aveva mostrato ciò che sapeva fare anche prima di Mihajlovic, il brasiliano insieme a Danilo aveva trovato un ottimo equilibrio. Il Sassuolo però di giocatori chiave ne ha persi tre, c'è anche Sensi. Entrambe le squadre comunque non conoscono altra medicina se non proporre e creare calcio: mi aspetto una partita aperta, ricca di gol e sono molto curioso di vedere chi sarà più bravo a sfruttare gli spazi. Il Sassuolo dietro ha problemi ma in avanti ha dimostrato di poter far gol a chiunque, come dimostra la partita contro l'Inter".
 

Sezione: Non solo Sasol / Data: Gio 7 Novembre 2019 alle 16:47
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print