Guido Angelozzi, direttore dell'area tecnico-operativa del Frosinone ed ex ds del Sassuolo Calcio, ha parlato a Radio Marte nel corso della trasmissione Si gonfia la rete di Raffaele Auriemma. L'ex neroverde ha svelato alcuni retroscena importanti, partendo da mister De Zerbi: "Dopo Di Francesco volevamo prendere subito De Zerbi ma lui ha preferito andare in Spagna, per poi tornare subito e andare al Benevento. Il Sassuolo può ambire all'Europa? L'aspirazione della società è quella. Ci siamo arrivati quando c'ero io ma fu un'annata particolare perché molte big fallirono l'annata. In questo momento hanno qualche difficoltà. Non vendere i più importanti a gennaio? C'è una grande proprietà, dei dirigenti bravi come Carnevali che è molto preparato e ha creato questo fenomeno Sassuolo. Loro difficilmente danno via i giocatori a gennaio perché la loro politica è questa. Magari a fine anno vendono uno o due pezzi, cercano sempre di non smantellare. Quando c'ero io prendevamo quasi tutti italiani, ora invece negli ultimi anni il Sassuolo si è un po' europeizzato e internazionalizzato".

Segui SassuoloNews.net su Facebook, TwitterInstagram e sul nuovo canale Telegram per restare sempre aggiornato sulle ultime news dal mondo del Sassuolo Calcio.

Angelozzi ha parlato del futuro di De Zerbi e ha svelato un retroscena su Berardi: "De Zerbi come allenatore del Napoli? Credo che lui sia un allenatore tra i più innovativi al momento in Italia. Tecnico molto coraggioso che ha una buona rosa ma non così grande. Boga ha avuto per 2 mesi il COVID-19, Berardi si è fatto male, Chiriches ha sempre qualche problema. Ha una buona rosa ma non è che abbia la rosa di altre squadre che hanno qualcosa in più. Non è facile mantenere sempre un livello alto. Sono convinto che lui possa allenare ovunque, questo è il quinto campionato di Serie A che fa. A parte il primo anno a Palermo ha fatto sempre beneBerardi? Poteva fare di più ma lui è innamorato del Sassuolo, l'ho visto rifiutare squadre importanti come Napoli, Juventus e Inter. Per me è un giocatore straordinario ma è cresciuto lì ed è legato in maniera pazzesca a quella situazione. A me diceva che stava bene lì, che lo hanno cresciuto. Chi prende Berardi prende un campione".

Sezione: Non solo Sasol / Data: Mar 02 marzo 2021 alle 16:02
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print