Gregoire Defrel ha scelto il Sassuolo. Ancora una volta. L'attaccante, convocato ieri per la prima volta dopo oltre due mesi dall'infortunio rimediato a metà novembre contro il Bologna, si candida ad essere uno dei protagonisti neroverdi nella seconda parte di stagione. A gennaio sono piovute le offerte in casa Sassuolo. Il club neroverde ripone in lui molta fiducia e ha rispedito al mittente le offerte, confermando la nostra esclusiva. Il giocatore, in prestito con obbligo di riscatto, non ancora maturato, per 14 milioni di euro (3 per il prestito, 9 per il riscatto più altri 2 di bonus) vuole ripagare la fiducia e spera di ricambiare l'affetto dei tifosi. SassuoloNews.net ha contattato in esclusiva Giampiero Pocetta, il procuratore di Gregoire Defrel. Ecco le sue dichiarazioni ai nostri microfoni.

Si è chiuso il mercato di gennaio. Tante voci sul futuro di Defrel ma alla fine non si è mosso da Sassuolo, confermando la scelta fatta in estate: ci sono state possibilità concrete di vederlo con un’altra maglia?
"Grégoire ha fatto una scelta questa estate e tra le tante società interessate ha scelto il progetto del Sassuolo. Purtroppo l’infortunio, che per fortuna è alle spalle, ha condizionato il suo rendimento e la possibilità di esprimersi per quello che realmente è il suo valore. Nonostante concretamente ci siano state diverse società interessate a lui in questa sessione invernale di mercato ha scelto, d’accordo con la società, di rispedire al mittente qualsiasi offerta”.

Oggi finalmente la prima convocazione dopo l’infortunio di novembre e la possibilità di scendere in campo contro la Roma. Che ruolo potrà avere Defrel da qui a fine stagione? Qual è il rapporto con De Zerbi?
"La società e l’allenatore, con il quale ha un ottimo e reciproco rapporto di stima, ancora una volta hanno dimostrato grande fiducia in Grégoire, la stessa che il ragazzo una volta superati i suoi problemi alla caviglia ha intenzione di ripagare in questo girone di ritorno".

Sezione: Esclusive / Data: Sab 01 febbraio 2020 alle 11:19
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print