L'allenatore della SPAL Pasquale Marino è intervenuto in conferenza stampa per presentare la sfida di Coppa Italia contro il Sassuolo in programma domani alle ore 17.30 al Mapei Stadium. Ecco le sue parole riprese da TMW: "Ci saranno diverse novità rispetto alle ultime formazioni, anche perché dobbiamo gestire le energie, viste le numerose partite ravvicinate. Ancora non l’ho fatta la formazione. Domani vedrete”.

Domani ritroverà De Zerbi. Sarà l’allievo contro il maestro?
“Abbiamo sempre avuto ottimi rapporti. Per me, lui è stato un giocatore importante. Domani sarà il match più complicato che ci potesse capitare. De Zerbi è riuscito a valorizzare diversi elementi, esprime un calcio di qualità, propositivo. Per le società, avere allenatori come Roberto è una fortuna. Era già allenatore quando stava in campo, vedeva cose che altri non vedevano. Si capiva già che doveva intraprendere questa strada. Farà una grandissima carriera, ha intuito ed è geniale. Sarà destinato a una big in futuro”.

Che cosa le piace del Sassuolo?
“Mi piacciono la mentalità e il divertimento che traspare in campo quando giocano. Il Sassuolo è una squadra che non spreca mai una palla. Iniziano dal basso con grandissima personalità ed è difficile andare pressarli alti perché ti attraggono nella loro metà campo per poi cercare spazi liberi e farti male. Sono organizzatissimi e interpretano bene la mentalità del loro allenatore. Sarà difficile per noi, ma non ci dovremo snaturare. Se pensiamo di limitarli faremo fatica. Dovremo essere bravi a fare le nostre giocate quando avremo la palla, diminuendo gli errori tecnici perché recuperare il possesso non sarà facile”.

Berisha come sta?
“Si è allenato con la squadra, sta recuperando ed è tra i convocati”.

Le è dispiaciuto perdere Salamon?
 
“Si, mi è dispiaciuto molto. Abbiamo perso un professionista serio, che si è sempre fatto trovare pronto. Si sa però che quando c’è l’opportunità di tornare a casa è difficile opporsi. Non potevo fare blocchi e dargli delle garanzie che non sarei stato in grado di dare. Ne sarebbero nati dei problemi. Abbiamo accettato la sua volontà. Nonostante ciò, credo che, a livello di organico, siamo già completi così in difesa. Ho recuperato Okoli, che ha giocato pochissimo perché spesso è stato male, e in più ho anche Spaltro che si sta allenando bene con i grandi per crescere sempre di più”.

Pare essere vicinissimo l’arrivo di Mora. Ci può aggiornare sulle tempistiche della trattativa?
“Non posso dire niente. Luca è un giocatore dello Spezia. Al momento posso solo parlare di chi è qui. In entrata non so che dire”.

Paloschi non è convocato. Come sta?
"Alberto è solo affaticato e abbiamo deciso che non valeva la pena di rischiarlo. Meglio farlo riposare per il campionato”.

Sebastiano Esposito è sempre più lontano dal restare alla SPAL. Cosa ci dice?
“Quest’anno, il ragazzo è stato penalizzato dal ruolo in cui è stato schierato. Non ha potuto esprimere a pieno le sue qualità per come giochiamo noi. Credo abbia deciso di andare via e trovare nuovi posti dove potrà sicuramente avere più spazi per esprimersi. Sappiamo da tempo che c’è la possibilità di una sua partenza. Vederlo in campo domani? Penso sia giusto puntare su quelli che so resteranno fino alla fine”.

Marino
Sezione: Non solo Sasol / Data: Mer 13 gennaio 2021 alle 14:37
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print