Il tecnico del Sassuolo, Roberto De Zerbi, ha commentato il pareggio odierno dei neroverdi in casa della Juventus. Ecco le sue dichiarazioni provenienti dalla sala stampa dell'Allianz Stadium. Dichiarazioni raccolte dall'inviato di SassuoloNews.net.

Un punto molto importante per il Sassuolo oggi in casa della Juve. Le chiedo un commento su Turati.
"Al di là del punto che ci cambia poco in classifica, siamo contenti per come è arrivato, dà la consapevolezza di essere forti. Tra mille problemi non ci eravamo mai espressi così, stiamo trovando continuità di prestazioni ed è importante. Non abbiamo mai smesso di giocare, fino alla fine, anche se ci è costato il gol. Se non accetti di subire il gol per una palla persa non potrai mai fare partite di questo tipo. Turati ha fatto una grande partita ma non avevo dubbi, il classico portiere, un po' pazzo, gli ho detto di godersi il momento perché alla sua età, arrivare a fare l'esordio in questo stadio contro questi campioni, la concentrazione ce l'hai di tuo ma devi anche goderti il cammino che hai fatto fino a questo punto perché se arrivi e non ti godi questo momento, poi non arriverà più e da come mi ha guardato dopo la partita penso che se la sia gustata".

Come ha visto la Juve, in particolare Ronaldo.
"La Juve è forte e non devo giudicarla io. Stimo tanto Sarri. Non è facile portare avanti le proprie idee e sarò sempre un suo simpatizzante. Sono primi, hanno sempre vinto, stanno facendo bene".

Cosa ha pensato sul gol di Boga?
"Ha un talento incredibile, voglio che diventi più continuo nella partita, più continuo in campionato e più lucido in zona gol. Un giocatore così deve arrivare in doppia cifra abbastanza facilmente".

Il Sassuolo ha avuto tanti alti e bassi, la prestazione di oggi non rispecchia la classifica: il pari di oggi può servire per la svolta?
"Lo spero. La prestazione nelle ultime 5-6 partite l'abbiamo sempre fatta. Quando hai una squadra giovane non è semplice. Spero che questo pareggio sposti nella consapevolezza, nel capire che quello che fai in settimana poi te lo porti in campo. Stamattina non ho parlato tanto, ho detto a loro che dovevano continuare a fare quello che stavano facendo in allenamento. Non abbiamo la maturità che serve a una squadra per fare il campionato che gli compete ma sulla qualità dei professionisti non ho dubbi".

Sezione: News / Data: Dom 1 Dicembre 2019 alle 15:21
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print