Nella sezione sportiva della Gazzetta di Modena si parla di Roberto De Zerbi, tecnico del Sassuolo, e dei complimenti di Arrigo Sacchi. Sarebbe stato l'ex c.t. a suggerire a Giovanni Carnevali l'ingaggio del tecnico bresciano. "Il Sassuolo gioca a viso aperto contro tutte, fiducioso del proprio collettivo e delle proprie idee che portano al miglioramento dei singoli. Ed è guidato da uno di quegli allenatori più propensi a costruire che distruggere, più ottimisti che pessimisti, più coraggiosi che paurosi" ha spiegato Sacchi, che nei giorni scorsi ha presentato a Carpi "La coppa degli immortali", libro scritto con Luigi Garlando".

Troppo ghiotta l'occasione per non chiedergli qualcosa del Sassuolo: "Da anni seguo con passione questa società: Ero amico degli Squinzi, con Adriana fin da quando eravamo ragazzi, ma avevo un bel rapporto pure con Giorgio. Un uomo modesto e, come tutte le persone modeste, di grande valore. Sono molto legato anche all'amministratore delegato Giovanni Carnevali". "Sassuolo è una piccola realtà espressione di un piccolo centro - continua Sacchi - non ha un gran pubblico, ma ha sempre cercato di giocare un calcio positivo, divertente. De Zerbi è stato scelto per questo, un allenatore in grado di portare avanti quello che era il pensiero di Squinzi. Da anni il Sassuolo sta facendo veramente bene e lo seguo con simpatia".

Sezione: Rassegna stampa / Data: Mer 11 Dicembre 2019 alle 08:54
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print