La Gazzetta dello Sport in edicola oggi ha analizzato il primo ko stagionale del Sassuolo in campionato, contro l'Inter, per 3-0. "Il Sassuolo? Presto detto: ha accusato le 8 giornate senza sconfitte e il secondo posto, come un adolescente accusa il primo champagne. E’ sceso in campo con le bollicine in testa. Lo scivolone gli farà bene. Crescerà ancora meglio. E’ già cresciuto tanto: 6 punti in più di un anno fa. Ecco lo scivolone. Minuto ‘4: Chiriches imposta e lancia addosso a Lautaro, Sanchez recupera e restituisce al Toro, mollemente contrastato da Consigli e dallo stesso Chiriches. Sanchez imbuca l’assistenza dell’argentino. Minuto 14’: Toljan, incomprensibilmente, si lascia sfilare alle spalle un pallone che Vidal rimette in area, dove Chiriches fa autogol. Suicidio di massa: 0-2 al quarto d’ora. Ma, precisiamo, l’Inter non si è limitata a raccogliere il regalo. Chiriches ha sbagliato il lancio, ma Lautaro era in pressione e Sanchez vicino a lui, spia di uno spirito aggressivo che col Real non c’era. Uno spirito condiviso da tutti i nerazzurri: compatti, solidali e soprattutto concentrati a palla. Ieri Nacho non si sarebbe infilato con tanta facilità. Funziona, come detto, il play atipico Barella, che lega la squadra con il suo movimento, intercetta la temuta fantasia di Djuricic tra le linee e salda col Vidal una buona diga centrale. Con la rinuncia al trequartista, la centralità dinamica di Barella e le scalate in avanti di Bastoni, Conte impedisce al Sassuolo la superiorità a centrocampo che era stata la chiave del dominio del Real Madrid a San Siro".

Ancora La Gazza: "Il Sassuolo ci mette parecchio a togliersi il pigiama e ad entrare in partita. Lo fa con Djuricic che stampa il palo al 21’ e ancora di più al 38’ quando si vede la prima traccia di vero Sassuolo: una collana di tocchi corti porta al tiro Toljan. Sembra l’annuncio di un secondo tempo d’assalto, magari con il risveglio di Berardi, finora nullo. Benino solo Locatelli. Invece al 15’ l’Inter chiude il sipario. Gagliardini, coperto da Vidal e Barella, approfitta della nuova libertà, galoppa e, pescato da Darmian, segna con eleganza. Il ragazzo si toglie così dalla spalla la scimmia che lo accompagnava dall’ultimo Inter-Sassuolo: l’erroraccio a porta spalancata. Nonostante i cambi, De Zerbi non accende la scintilla".

LEGGI ANCHE: Sassuolo, sei caduto nel tranello. Ora rialzati e pedala!

Sezione: Non solo Sasol / Data: Dom 29 novembre 2020 alle 16:31
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print