Duro ko per 3-0 da parte del Sassuolo in quel di Udine. Andrea Consigli, portiere neroverde, ha parlato in esclusiva ai microfoni di SassuoloNews.net commentando così la gara: "Venivamo da partite in cui abbiamo creato, giocato molto bene. Abbiamo messo sotto gli avversari, quando dovevamo vincere abbiamo magari raccolto un pareggio. A volte abbiamo addirittura perso, come col Napoli o col Genoa. Oggi abbiamo creato, ma non abbiamo schiacciato l'avversario come in altre occasioni. È vero che nei primi venti minuti del secondo tempo l'Udinese non ha superato la metà campo, e una delle prime volte che l'ha superata ci ha fatto gol, però potevamo fare meglio".

Cosa non ha funzionato?
"Siamo abituati a uscire dal basso, a giocare con i due centrali di difesa e i due mediano. Oggi l'Udinese era schiacciata, il campo non era bellissimo e facevamo più fatica a far uscire il pallone in maniera pulita. Anche per questo nei primi minuti abbiamo regalato delle palle gol all'Udinese, ma era una partita che avremmo dovuto gestire in maniera diversa, facendo più battaglia".

Nessun alibi per le assenze pesanti?
"Secondo me no, è vero che ci sono giocatori importanti fuori, ma chi è sceso in campo poteva giocarsela tranquillamente con l'Udinese".

Tra Okaka e De Paul chi faceva più paura?
"Sono giocatori forti. Sono abituato a guardare più alla mia squadra, se avessimo fatto una partita giusta li avremmo messi più in difficoltà".

Hanno influito le polemiche dopo il Genoa?
"No, hanno dato fastidio molto a Genova, perché già dal campo ci eravamo accorti di certe cose. Vedere un arbitro che sbaglia, e soprattutto un altro arbitro che sta davanti alla tv e prende le decisioni dà molto fastidio. L'arbitro può sbagliare, è una frazione di secondo, ma c'è un signore dentro una casetta che sta guardando una partita in tv, e lì deve sbagliare meno. Sbagliare è umano, ma certi errori non si possono più fare".

È ingiusto parlare di Sassuolo in crisi?
"I risultati dicono questo, ma se vado ad analizzare le prestazioni non posso dirlo. Anche oggi contro una squadra in salute, non giocando al massimo, abbiamo creato palle-gol. Se analizziamo come si è incanalata la partita a noi è andato palo-fuori e a loro palo-dentro. Tocca a noi girare questa fortuna. Dobbiamo ripartire badando alla prestazione, che oggi un po' è mancata".

Sezione: Esclusive / Data: Dom 12 Gennaio 2020 alle 15:47
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print