Non c’è spazio per i convenevoli, il senso delle parole ti arriva in faccia e se resti statico, fatichi. Applicate il lato umano di Ivan Juric al suo Verona e non noterete molte differenze. Ecco le dichiarazioni del tecnico alla Gazzetta dello Sport.

Domenica contro il Genoa c’è in palio l’8° posto, Sassuolo permettendo: ci si pensa davvero?
"Sarebbe fantastico, vogliamo vincere".

Quindi è infastidito dalle voci sulla presunta morbidezza?
"Mi fa schifo questo modo di pensare. È brutto e fastidioso per la gente onesta. All’estero e negli altri sport, nemmeno pensano che possa accadere".

È vero che c’è stato una Serie A pre e una post Covid?
"Sì, è stato un massacro fisico e mentale. Abbiamo giocato sulla salute dei giocatori a cui abbiamo chiesto sforzi disumani. Nessuna lamentela però. Era giusto giocare per aiutare i club e le persone che lavorano nel calcio economicamente".

Quale voto darebbe al suo Verona?
"10 e lode, abbiamo fatto il massimo".

Senza lo stop del campionato sareste andati in Europa League?
"Ne sono convinto, avevamo raggiunto un livello psico-fisico eccellente. Non avevamo paura di niente».

Sezione: Non solo Sasol / Data: Ven 31 luglio 2020 alle 16:59
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print