L’ultimo saluto a Giorgio Squinzi. Oggi è il giorno del congedo con i funerali a Milano e la tumulazione nella tomba di famiglia a Pero nell’area metropolitana meneghina. Sassuolo si ferma per il lutto cittadino e il Duomo è pronto ad accogliere i tantissimi che alle ore 14.45 parteciperanno alle esequie, dai familiari alle autorità, dagli amici agli industriali, dai collaboratori agli sportivi e quanti hanno incrociato e condiviso il pianeta Mapei. Il feretro lascia la camera ardente nella Casa funeraria San Siro dove da venerdì scorso è stato un pellegrinaggio continuo per rendere omaggio all’imprenditore scomparso a 76 anni mercoledì scorso all’ospedale San Raffaele dopo aver combattuto con la malattia che l’affliggeva da tempo.

I colori neroverdi non mancheranno con la dirigenza guidata dal presidente Carlo Rossi e dall’ad Carnevali, le squadre maschile e femminile con alla testa i tecnici De Zerbi e Piovani, l’intero gruppo del Sassuolo. Ci sarà il mondo del ciclismo al quale ha dato tanto e che l’ha ripagato con trionfi memorabili. La figura di Squinzi risalta ancora di più in queste ore. L’espressione più ricorrente è “galantuomo”, come ha voluto rimarcare lo storico segretario sassolese Morini.

Sezione: Non solo Sasol / Data: Lun 7 Ottobre 2019 alle 11:21
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print