Lunga intervista a Fanatik, media turco, per mister Roberto De Zerbi. Il tecnico del Sassuolo ha parlato naturalmente dei giocatori turchi allenati a Sassuolo, ovvero Demiral (ora alla Juve) ma anche Ayhan e Muldur, e ha parlato del suo calcio, dei complimenti, delle attenzioni dei grandi club e di molto altro ancora. Ecco le sue parole tradotte di SassuoloNews.net .

Innanzitutto grazie mille per averci dedicato del tempo. Il Sassuolo è stato molto bravo nella scorsa stagione soprattutto dopo l'inizio della pandemia Covid. Ma ora la squadra sta facendo meglio della scorsa stagione ed è imbattuta nelle prime 8 partite. Primo, quali sono le tue opinioni sulle prestazioni della squadra fino ad ora?
"Abbiamo terminato la scorsa stagione molto bene e abbiamo iniziato altrettanto bene questa stagione. Non ci sono segreti. Abbiamo solo una squadra molto forte. E ora stiamo insieme da un po 'di tempo, quindi ci conosciamo meglio. Ci capiamo più velocemente e quindi possiamo concentrarci di più su alcuni dettagli. All'inizio di questa avventura tutto questo naturalmente era più complicato".

Giochi con il 4-2-3-1 e pratichi un calcio offensivo, la tua attenzione difensiva non è rigida come le squadre italiane in generale, non ti rinchiudi in difesa. Allora, puoi spiegare la tua filosofia calcistica?
"Non si tratta tanto del modulo specifico che può cambiare da partita a partita. Si tratta di essere protagonisti durante la partita. Il nostro obiettivo è avere la palla ed essere protagonisti durante la partita. Vogliamo avere la palla il più possibile e vogliamo riconquistarla il prima possibile. Dico sempre che dobbiamo difendere l'attacco e attaccare la difesa che può sembrare una frase senza senso ma è importante. Tutto, ovviamente, può essere migliorato. Possiamo migliorare tantissimi aspetti. Impari anche dalle squadre che affronti, dai punti di forza degli avversari".

Hai 41 anni ora. Quando hai deciso che saresti diventato un allenatore e perché?
"Ho iniziato a voler diventare un allenatore verso la fine della mia carriera, dai 30 anni in poi. Non ti senti mai veramente pronto a farlo. Ti senti sempre come se dovessi crescere in qualche modo. Mi sento ancora così adesso. Perché amo il calcio, ecco perché ho scelto di allenare. Da giocatore mi piaceva, avevo il mio modo di vedere le cose già da giocatore ma ovviamente dovevo ascoltare l'allenatore. Invece ora che sto allenando posso applicare le mie teorie al gioco. La mia idea di tattica, la mia idea di gestione. Puoi determinare molti aspetti".

Sei tra gli allenatori promettenti dell'Italia. Hai impressionato molte persone con il tuo stile calcistico. Immaginavi di riuscire a stupire le persone che amano così tanto il calcio?
"È un onore ricevere complimenti perché significa che il lavoro che abbiamo svolto è buono e il lavoro che stiamo facendo è positivo. I complimenti non mi commuovono perché so che tutto ciò di cui hai bisogno è che due partite vadano male e poi la gente dimentica tutto il lavoro positivo che hai fatto in passato. Le persone sono molto veloci ad elogiare, ma anche a criticare. Ciò che guadagni può essere portato via molto facilmente. Devi lavorare costantemente e duramente".

Da quali allenatori hai preso spunto?
"Guardiola e Bielsa sono i due allenatori principali che mi piacciono molto. Sono molto diversi l'uno dall'altro. Uno per un motivo, uno per un altro motivo. Li apprezzo. Guardiola per il modo in cui studia calcio e per tutto quello che è riuscito a dimostrare con le sue squadre in campo. Per tutto quello che ha fatto per tutto il movimento del calcio. E Bielsa per il coraggio che dimostra e per il coraggio che dimostrano le sue squadre. L'importante è essere felice con te stesso e con quello che stai facendo. Devi avere la voglia di andare a lavorare e di amare quello che stai facendo. Le vittorie sono qualcosa in più su cui lavorare perché devi lavorare per vincere. Non puoi giudicare Guardiola perché ha vinto una Champions League o non ha vinto una Champions League. Lo giudichi per il modo in cui le sue squadre giocano a calcio e ci sono altri allenatori che hanno forse vinto la Champions League ma non hanno cambiato il calcio. Mentre Guardiola ha cambiato il calcio".

Andrea Pirlo ha la tua stessa età e ha avuto una carriera da giocatore migliore di te e ora ha iniziato a fare la sua carriera da allenatore con la Juventus! Essere stato un buon calciatore è un vantaggio per la carriera da allenatore? Perché ci sono molti esempi buoni e cattivi nel mondo del calcio...
"Essere stato un giocatore ovviamente ti dà un buon inizio, è qualcosa di importante. Ma sono lavori completamente diversi e quello che devi riuscire a fare è capire che a un certo punto la tua carriera di calciatore finisce. Prendi tutti gli aspetti positivi che ti può dare, tutte le esperienze che ti possono dare. Ma poi tracci una linea e capisci che sono due mondi completamente diversi. C'è la stessa atmosfera e tu sei nello stesso posto di lavoro ma sono due cose diverse perché sei dall'altra parte".

Com'è il tuo rapporto con i tuoi giocatori e come sei riuscito a ottenere buone prestazioni dai tuoi giocatori? Perché gestisci giocatori di calcio con culture diverse. Ad esempio, hai giocatori di 11 nazionalità diverse...
"Il modo migliore per gestire i giocatori è essere se stesso. Provo a capirli mostrando loro anche i miei difetti, sperando che siano loro stessi. Allo stesso tempo poi cerco di leggerli e di trovare un modo per provare ad aprirmi con ogni singolo giocatore, secondo il suo carattere e la sua personalità. Ovviamente non tutti i giocatori sono uguali e ognuno ha bisogno di un modo diverso di essere gestito. Essere me stesso permette a tutti loro di vedermi allo stesso modo. E io sono trasparente. In questo modo sono coerente con tutti i giocatori ed è così facile essere rispettati".

Se ricevi un'offerta direttamente da una grande squadra dopo il Sassuolo, la accetteresti o sceglieresti una squadra come il Lipsia per la tua carriera invece del Bayern Monaco o del Real Madrid come Julian Nagelsmann?
"Ho già fatto la stessa scelta di Nagelsmann in passato e quindi potrebbe ripetersi in futuro. Non sarà facile per nessun club farmi lasciare il Sassuolo, dovrà essere un progetto davvero convincente e non dico dal punto di vista economico. Intendo dal punto di vista del progetto. Deve essere un progetto interessante e convincente".

Se potessi sceglierne uno tra due, vorresti vedere Messi o Ronaldo nella tua squadra e perché?
"Messi semplicemente perché per me Messi è un giocatore migliore. Messi è più forte".

Eri al Milan ma non hai avuto la possibilità di giocare in prima squadra. Hai mai sognato di essere allenatore del Milan? Perché potrebbe essere speciale per te ...
"Ovviamente Milano è stata la mia casa per molti anni. Ho trascorso gran parte della mia adolescenza lì e quindi ovviamente sono molto legato al club. Detto questo c'è una società che posso dire che più di tutte mi piacerebbe allenare ed è il Brescia perché è la mia città. Tutti gli altri club potrei allenare o meno a seconda del progetto che mi viene eventualmente presentato. Ma non perderò il sonno se allenerò o non allenerò nessun altro club".

Giocavi a calcio negli anni 2000 nello stesso periodo in cui Fatih Terim era l'allenatore della Fiorentina e poi quello del Milan. I fan lo chiamavano "Imperatore" e ora è il manager del Galatasaray. Quali sono le tue opinioni Fatih Terim?
"Ho visto il lavoro che ha fatto con la Fiorentina. Erano anni eccellenti e all'epoca lui era un allenatore molto importante. Forse non ha fatto così bene nel suo periodo al Milan, non so perché. Non so cosa ci fosse dietro. Non sono stato coinvolto, quindi non posso sapere il perché di determinate cose ma gli anni alla Fiorentina rimarranno sicuramente nel calcio italiano come gli anni in cui è stato un grandissimo allenatore".

Merih Demiral è stato il tuo giocatore al Sassuolo e tu lo hai aiutato a farlo diventare un giocatore migliore. Ora è uno dei protagonisti della Nazionale turca ed è un giocatore della Juventus. Sei sorpreso che Merih sia salito a questo livello e giochi per la Juventus? Cosa ne pensi di Merih come giocatore e dal punto di vista umano?
"Demiral è un po un figlio per tutti qui al Sassuolo, non solo per me che sono l'allenatore. È arrivato con grande umiltà senza grandi aspettative e si è messo a disposizione della squadra e con grande determinazione si è guadagnato la possibilità di trasferirsi alla Juventus dopo pochi mesi. È diventato un giocatore importante lì e noi siamo i suoi fan numero uno e abbiamo una grande stima per lui prima come persona e poi come giocatore. Come ho detto, siamo tutti suoi grandi fan e lo seguiamo".

Penso che ti piaccia lavorare con i giocatori turchi. Perché ora hai Mert Müldür e Kaan Ayhan nella tua squadra. Cosa puoi dirci di loro: possono anche andare in grandi club come Demiral che è andato alla Juventus?
"Sicuramente sia Muldur che Ayhan hanno la possibilità di fare grandi cose e passare a grandi club. Ovviamente devono crescere, hanno ancora un processo da affrontare, soprattutto Muldur visto che è più giovane, e devono ancora crescere tatticamente, soprattutto Muldur. Ma entrambi hanno un grande, grande, grande potenziale. Devo dire che ho seguito il calcio turco e vedo che sta davvero crescendo negli ultimi anni. Se guardi la nazionale turca ci sono giocatori come Demiral e Calhanoglu ma anche tanti, tanti giocatori forti ed è giusto perché la Turchia è una nazione pazza per il calcio. L'Italia è una nazione pazza per il calcio ma possiamo solo essere invidiosi di quanto forte sia il seguito tra i tifosi turchi. La passione che vedi negli stadi è invidiabile".

Sezione: News / Data: Ven 27 novembre 2020 alle 19:23
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print