Kevin Bruno, capocannoniere del Sassuolo Primavera, sta trascinando i Neroverdini a suon di gol (ma non solo). Il classe 2005, autore di una doppietta oggi contro il Lecce, si è raccontato ai microfoni di Nero&Verde: "Ho iniziato a giocare a calcio quando avevo 5 anni, anche prima a casa con mio padre che mi ha sempre trasmesso questa passione, mi allenava lui da piccolo, anche con mio fratello che è 2 anni più piccolo. Ho iniziato alla Falk, una squadra della parrocchia, poi la Reggiana e poi sono arrivato al Sassuolo a 11 anni, mi ha portato qui il direttore Palmieri".

SCELTI DA SASSUOLONEWS:

Nuovi Raspadori crescono: i 5 talenti del Sassuolo su cui scommettere

Bigica: "Coi playoff al Ricci mi è venuto il magone. Questo può essere l'anno giusto"

Torneo di Viareggio 2023, le date e il regolamento. Si torna ai Primavera

Com'è ricevere una chiamata del Sassuoloc così giovane?
"Quasi era assurda la proposta del Sassuolo, è stata una bella emozione. Anche fare la Primavera da sotto età non è facile. Apprezzo molto la società, ringrazio il mister che mi sta dando fiducia ora".

Che tipo di calciatore sei?
"Sono un trequartista, giocatore dinamico e veloce, bravo nello stretto. Mi ispiro molto a Kakà, vedo ancora i suoi video. Prenderei la sua qualità, un po' tutto, sono ancora giovane".

Ti piace di più fare gol o fare assist?
"Io vivo molto per l'assist ma non mi devo lamentare nemmeno dei gol, è sempre bello segnare per far felice la squadra, il mister, tutti".

Hai mai pensato di smettere? Ci sono stati momenti difficili?
"Ci sono stati dei momenti in cui la voglia veniva a mancare e volevo smettere. Parlando con la società e soprattutto con Palmieri, che mi ha fatto un discorso bello lungo, mi ha fatto capire quanto è importante e bello giocare a calcio".

La Nazionale?
"Ho iniziato nell'Under 17, la prima chiamata contro la Svizzera. Ho fatto tutto l'anno fino agli Europei, ora sono con l'U18, sarebbe bello andare ai Mondiali con l'U20 ma penso che sia presto, devo migliorare ancora".

Hai firmato il contratto da pro, dove ti vedi fra qualche anno?
"Spero ancora qua a Sassuolo. Il primo contratto è stata una bella esperienza per me, anche per i miei genitori. Fra qualche anno vorrei giocare in Serie A, con mio fratello (Dennis, classe 2003, ex neroverde ora alla Bagnolese), ho sempre avuto questo sogno e spero di raggiungerlo".

Sezione: Settore Giovanile / Data: Sab 21 gennaio 2023 alle 18:39
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
vedi letture
Print