"Sassuolo, la consacrazione di Caputo che ha un erede in casa: Raspadori" scrive quest'oggi la Gazzetta di Modena nella sua sezione sportiva. La vittoria del Sassuolo all'Olimpico ha in calce due firme, quelle di Giacomo Raspadori e di Francesco Caputo; i due giocatori hanno ben 13 anni di differenza, eppure sotto il cielo romano hanno dimostrato di condividere la stessa ricerca forsennata del gol.

Da una parte c'è chi si sta consacrando sui massimi palcoscenici italiani, dopo una vita intera passata a sgomitare in Serie B; dall'altra parte, c'è un ragazzo che sta facendo i primi passi tra i professionisti, ma che ha tutta l'intenzione di imparare a lasciare un segno. E il Sassuolo gode!

Sezione: Rassegna stampa / Data: Lun 13 luglio 2020 alle 08:52
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print