Kaan Ayhan si è presentato oggi in conferenza stampa. Queste le sue parole a Sassuolo Channel riprese da Tuttomercatoweb: "La prima volta che ho sentito parlare del Sassuolo risale a circa due/tre anni fa. Naturalmente ho sempre seguito la Serie A e per questo ho potuto osservare i risultati che il Sassuolo ha ottenuto. In particolare in questa stagione ha giocato molto bene. A livello personale i primi contatti li ho avuti un paio di anni fa, già all’epoca avevo sentito che il Sassuolo nutriva qualche interesse, ma poi la cosa non si è conclusa. Oggi sono molto felice perché quest’anno ci siamo riusciti".

Hai parlato con qualche tuo connazionale del Sassuolo?
"Con Merih abbiamo parlato della nazionale e del Sassuolo, dove lui ha giocato. Poi l’anno scorso i contatti sono andati avanti. Quest’anno l’interesse è diventato ancora maggiore. Mi sono confrontato ancora con Merih e anche con Mert Muldur, anche lui della nazionale, e quindi ho potuto farmi un quadro ancora più chiaro".

Quali sono le sue prime impressioni?
"Al top, devo dire. Ho preso delle informazioni sulla società, naturalmente. Soprattutto dopo il coronavirus ho seguito la Serie A più da vicino, naturalmente anche il Sassuolo. Ora con gli allenamenti il quadro si sta confermando. La squadra è forte, molto forte. L’impressione è ancora più positiva di quanto si possa vedere in tv".

Quali sono i suoi obiettivi?
"Sono contento. Ho molto da fare, nuove sfide e già nelle prime due settimane ho potuto imparare moltissimo. Il mio obiettivo è quello di dare il massimo, voglio giocare per poter imparare molto dal mister e dal resto della squadra".

Com'è stato accolto dalla squadra?
"Mert Muldur lo conosco dalla nazionale. Con Jeremy Toljan abbiamo giocato a livello delle nazionali giovanili quando giocavo per la Germania. Come dicevo, sono tutti giocatori forti e anche molto simpatici. Hanno tutti cercato di coinvolgermi, alcuni parlando anche in italiano, altri in inglese. Sto imparando la lingua così tutto diventerà più semplice. Mi hanno accolto tutti a braccia aperte".

Un commento su mister De Zerbi?
"Ogni allenatore è diverso dagli altri. Come gli altri anche il nostro. Ci sono tantissime cose nuove per me, ma devo dire che mi segue al 100% e i primi giorni per me sono stati mentalmente molto intensi. Sono contento del mio ruolo ed in questo momento sono motivato. Voglio imparare tantissimo dal mister, ho visto fin subito che ha un’idea chiara del calcio e questa idea vuole trasmetterla pure a me. Io ci sto arrivando. Tuttavia, per quanto riguarda la comunicazione, non appena imparerò l’italiano diventerà ancora più facile. Adesso siamo all’inizio e non posso lamentarmi, anzi, sono molto motivato. Voglio imparare da lui e dalla squadra".

LEGGI ANCHE: FANTACALCIO SASSUOLO: CHI PRENDERE E CHI GIOCA. LA FORMAZIONE E I CONSIGLI

Sezione: News / Data: Ven 18 settembre 2020 alle 12:43
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print