L'assenza del patron Squinzi si fa sentire. Sempre. Giovanni Carnevali, amministratore delegato del Sassuolo, ha parlato al Corriere dello Sport del momento del club neroverde e anche dell'assenza del patron. Cosa avrebbe pensato patron Squinzi di questo Sassuolo che vola alto in classifica? Ecco le parole dell'a.d. neroverde.

Cosa direbbe il dottor Squinzi di questo Sassuolo? 
"Che dobbiamo andare in Europa. Sarebbe sicuramente felice di quanto stiamo facendo e ci spronerebbe a fare di più. Magari telefonasse come faceva sempre, sarebbe un piacere sentirlo".

Qual è la sua impronta che cercate di portare avanti? 
"La filosofia del passato che si fa presente e futuro. La famiglia Squinzi mi ha insegnato e insieme abbiamo delineato il percorso societario. Io devo portare avanti quel progetto ambizioso pensato dal dottore per crescere sul piano tecnico con i bilanci sani".

La gestione del dopo-Squinzi come procede? 
"Abbiamo la fortuna di avere alle spalle un'azienda di livello internazionale come il Gruppo Mapei. C'è metodo e programmazione".

I figli Marco e Veronica quanto seguono le sorti del club?
"Sono molto presenti e danno continuità a quanto costruito dai propri genitori. Veronica è anche il nostro vicepresidente".

LEGGI ANCHE: Carnevali: "Così ho convinto De Zerbi a restare. Mercato? La politica non cambia"

Sezione: News / Data: Mar 07 luglio 2020 alle 15:28
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print