"Il campionato è ancora lungo. La serie B la rischiano tanti" scrive La Verità in edicola oggi. Vi proponiamo l'articolo nel quale viene incluso anche il Sassuolo, oggi a +7 sul Genoa, tra le possibili formazioni invischiate nella lotta per non retrocedere: "Scommettiamo che la lotta per non retrocedere in serie B quest'anno sarà particolarmente complicata e appassionante? Mi ha scritto da Torino la signora Caterina Paglieri, tifosa della Juventus: 'Lei prevede che la Lazio vincerà lo scudetto e annuncia grandi difficoltà per i campionissimi bianconeri. Perché non si occupa anche della retrocessione? Forse perché il suo amato Genoa è disperato e in fondo alla classifica?. Rispondo: accolgo con divertimento la provocazione e l'ironia. E colgo l'occasione per scusarmi con l'allenatore del Genoa, Davide Nicola: pensavo fosse immaturo e che ci avrebbe portato dritti in serie B. Invece, bravo davvero: per una volta la scelta del presidente Enrico Preziosi si sta rivelando positiva. Ma non sono bastati due pareggi e due vittorie nelle ultime partite per consentire al Grifone di staccarsi dal terzultimo posto in classifica".

E ancora: "Tuttavia ci sono ancora 14 gare da giocare, 42 punti in ballo: al momento, partendo dal fondo, i club con maggiori preoccupazioni sembrano Spal, Brescia, Genoa, Sampdoria e Lecce. Ma ogni sorpresa è possibile, il baratro della retrocessione potrebbe spalancarsi per altre squadre: Udinese, Torino, Fiorentina, anche Sassuolo. Dipende dal rendimento delle ultime: molti critici danno per spacciate la Spal, che ha cambiato allenatore, e il Brescia, per il deludente comportamento di Mario Balotelli, presunto salvatore della patria. Se Genoa e Lecce continueranno a correre come treni (ma è credibile?), il panico si estenderà fino a metà classifica. Nei guai, più di altre, potrebbe finire la Sampdoria, per il caos societario denunciato perfino dall'allenatore, l'ottimo Claudio Ranieri."

Sezione: Non solo Sasol / Data: Gio 20 Febbraio 2020 alle 20:35
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print