La seconda stagione di sassuolonews.net al seguito del Sassuolo è giunta al termine. Sperando di aver fatto un buon lavoro e di essere stati apprezzati dai nostri lettori, ora proviamo a dare un giudizio finale sul Sassuolo 2019/2020, un momento atteso da tanti e odiato probabilmente da calciatori e giocatori. Il migliore della stagione per noi è stato Ciccio Caputo, che vince in volata su Domenico Berardi. Promosso Manuel Locatelli. La rivelazione per noi ha un solo nome: Jeremie Boga. Nel lavoro del giornalista ci sono oneri e onori. Dispiace dare giudizi negativi ma alcuni elementi come ad esempio Vlad Chiriches non hanno avuto la fortuna necessaria per esprimersi al meglio.

CONSIGLI 7 – Lo scorso anno non aveva subito gol in 12 gare, quest'anno ha faticato un po' di più a mantenere la porta inviolata ma non sono mancati i rigori parati. Consigli ha trasformato anche il suo ruolo, si è evoluto, diventando anche un 'calciatore di movimento' a inizio azione e non era semplice. Anche qualche errore di troppo tra i pali, forse più del solito, ma nonostante tutto una stagione più che positiva! CERTEZZA!

PEGOLO 6 – Si è fatto trovare pronto quando è stato chiamato in causa. Ha risposto presente come solo i grandi portieri e i grandi uomini sanno fare Meritato il rinnovo per un altro un anno. Pegolone c’è! USATO SICURO!

TURATI 6 - Dall'esordio da sogno contro la Juventus di Cristiano Ronaldo con i grandi voti sui giornali, le grandi parate, le foto, le luci di ribalta, alla prova non semplice una settimana più tardi contro il Cagliari. Di sicuro il suo è stato un momento da sogno. Bravo Tura, continua così! GIOVANE PRODIGIO!

TOLJAN 7 - Inizialmente ci ha fatto un po' arrabbiare perché ci aveva fatto rimpiangere Lirola. Non è semplice però arrivare in un nuovo campionato, imparare la lingua, specie quando non hai un carattere particolarmente estroverso. Da novembre in avanti però è scattata la scintilla. Il gol con il Lecce e il passaggio al 4-2-3-1 ha riattivato il binario destro con Berardi e così si è guadagnato la riconferma! ALTA VELOCITÀ!

MULDUR 6,5 - Un'altra rivelazione stagionale del Sassuolo. Grande impatto nelle prime settimane, poi una lunga latitanza e infine il ritorno sulle scene alla grandissima nel post lockdown, con anche due gol all'attivo a ricordare i suoi trascorsi da bomber. La sensazione è che possa crescere ancora. SCOMMESSA VINTA!

MARLON 6 – Stagione sfortunata per il difensore brasiliano arrivato dal Barcellona ormai due ani fa. Qualche incertezza ma anche tante buone giocate. Dà la sensazione di arrivare vicino al momento della svolta ma ogni volta sembra fallire il momento del grande salto. GIGIONE!

CHIRICHES 5,5 - Sfortunato, sfortunatissimo. Il Conte Vlad doveva essere l'elemento in grado di far fare il salto di qualità alla squadra ma, soprattutto per tanta sfortuna (è stato fuori per 5 mesi) non ha potuto mettere in mostra le sue qualità. Quando ha giocato nel finale il conte ha messo in mostra le sue doti facendo aumentare i rimpianti neroverdi. SFORTUNATO!

ROMAGNA 7 - Che sorpresa! Arrivato dopo un paio di annate in chiaroscuro con il Cagliari, il difensore scuola Juve è rimasto a guardare per circa un paio di mesi. Da novembre in avanti è diventato il titolare indiscusso (va detto, anche a causa dei tanti infortuni che hanno costellato il reparto difensivo) e ha tirato la carretta fino a marzo. Poi il brutto infortunio ma quando è sceso in campo è stato sempre uno dei migliori e dispiace non vederlo più in neroverde! GIOVANE ROMAGNA!

FERRARI 6,5 - I gol non sono un aspetto fondamentale per un difensore, anzi, a volte sono fuorvianti perché tendono a risaltare alcuni aspetti e a nascondere le magagne (parliamo in generale, non è il caso di Gian Marco). Lo scorso anno 4 gol, quest'anno qualche problema fisico di troppo che ne ha condizionato il rendimento ma resta sempre uno dei più affidabili. COME IL TONNO: INSUPERABILE!

PELUSO 5,5 - Doveva essere il 'nuovo acquisto' stagionale perché l'anno scorso restò fuori a lungo ma disputò un'ottima stagione. Finale di stagione negativo per l'esperto difensore centrale ma le attenuanti ci sono perché non è semplice riprendere dopo 3 mesi di stop 'assoluto'. Diversi errori marchiani. Ci aspettiamo di più perché sappiamo che può fare di più. RIMANDATO!

MAGNANI 6 - E' arrivato a gennaio per l'emergenza difensiva. Poche occasioni ma anche un gol, il primo in Serie A, contro l'Inter. FIGLIOL PRODIGO!

ROGERIO 6,5 – E’ solo un classe ’98 e ha tutto il tempo per migliorare. Dopo esser diventato padrone incontrastato della fascia sinistra neroverde un anno e mezzo fa, quest'anno ha faticato a causa di un infortunio in ritiro. E’ un brasiliano anomalo perché non ha i piedi da brasiliano ma ha tutto per far bene e per imporsi. Forte ma a volte pasticcione. Con mister De Zerbi potrà crescere ancora. ROGER…RABBIT!

KYRIAKOPOULOS 6 - Arrivato nelle ultime ore di mercato, sembrava essere un desaparecido ma a novembre, a Lecce, si è fatto conoscere, conquistando pian piano la maglia da titolare. Sembra essere un terzino atipico. Ha un gran tiro ma "deve aggiustare il cannone". Si è perso nel finale. POLVERE BAGNATA!

LOCATELLI 8,5 - Doveva essere il suo anno e alla fine lo è stato! Prestazioni sontuose alle quali è mancato solo qualche gol per mettere maggiormente in risalto, a livello nazionale, la sua ottima annata. Le 4 panchine iniziali sono state prese nel verso giusto e ora il Loca è pronto per il grande salto, ma speriamo possa restare a Sassuolo un altro anno per la definitiva consacrazione! VIDA LOCA!

BOURABIA 6 – Una delle rivelazioni dello scorso anno. Arrivato in punta di piedi, il marocchino ha conquistato sin da subito la fiducia di mister De Zerbi che non ha faticato a trovargli uno spazio nel centrocampo a tre ma con il passaggio ai due mediani, complice anche un infortunio, ha faticato a trovare spazio. Da dicembre a gennaio 12 panchine consecutive ma anche 2 gol su punizione e un autogol. TUTTOFARE!

OBIANG 6,5 - Bisogna ammetterlo: voluto fortemente da De Zerbi, doveva essere un altro elemento in grado di far fare un ulteriore salto di qualità alla squadra ma in alcune occasioni è mancato. Gli è mancato un pizzico di continuità in più, a livello di prestazione, per il 7. Comunque, la sua prima stagione in neroverde, è stata positiva. IL MEGLIO DI SANTA FE!

MAGNANELLI 6,5 - Il capitano non molla mai, il capitano c'è sempre. E ci sarà sempre. Le 35 primavere iniziano a farsi sentire ma capitan Magnanelli resta sempre uno dei punti di forza e uno dei punti fermi del Sasol. Ventidue presenze, 1.392 minuti. Anche dopo il lockdown ha dimostrato di essere super. COME CIRO: IMMORTALE!

DUNCAN 6 – Una stagione iniziata sotto i migliori auspici, terminata poi a Firenze con la maglia della Fiorentina. BUONA VITA!

DJURICIC 8 – “Potrebbe dare di più ma non si impegna”. Forse in tanti hanno sentito pronunciare questa frase nella loro vita. Questo, probabilmente, è anche il caso di Filip. Talento cristallino, forse il più dotato tecnicamente dell’intera rosa neroverde. Ma, come il cristallo, tanto ‘bello’ quanto fragile. Capace di deluderti e sorprenderti, capace di apparire e scomparire in un nano secondo, questo forse è stato il suo miglior anno. Lui dice che è ancora al 60%, forse però quest'anno abbiamo visto qualcosa in più. Una delle belle 'sorprese' della stagione...finalmente! MAGO MERLINIC!

TRAORE' 6 - Tre gol nella prima parte della stagione, poi una sola rete, quella contro il Genoa nella seconda parte dell'anno. Una stagione sicuramente non semplice per lui ma è ancora un classe 2000 che può dire la sua nei prossimi anni e per questo gli diamo un 6 di incoraggiamento. Bene nel finale da esterno sinistro. TRA(TT)ORE!

BERARDI 9 – Ancora una volta si conferma uno dei migliori esterni d'attacco del campionato. Questa volta i gol sono stati 14, sarebbero stati almeno 15 se non fosse stato per il miracolo di Musso all'ultima giornata, il miglior rendimento degli ultimi 5 anni. Indispensabile per De Zerbi che non lo ha mai tolto dal campo. Lunga vita al re! FUORICLASSE!

DEFREL 5,5 - Vale lo stesso discorso fatto per Chiriches. Doveva essere il giocatore arrivato per un ulteriore salto di qualità ma è rimasto per molto tempo fermo ai box. Quando è stato a disposizione però De Zerbi lo ha sempre gettato nella mischia, a dimostrazione del suo valore. RIPROVACI ANCORA, GREG!

BOGA 8 – Alzi la mano chi pensava potesse realizzare 11 gol quest'anno. Il dribbling resta il pezzo forte del classe '97 ma passare da 4 a 11 gol in Serie A non è semplice. Gran parte del merito va dato a Mister De Zerbi. E anche al suo talento. Era atteso al varco e non ha fallito. E ora l'ultimo step ma a Sassuolo.. PRESTIGIATORE!

RASPADORI 6,5 - E' rimasto in neroverde, ha atteso la sua chance, lo ha fatto in silenzio, lavorando a testa bassa e alla fine l'occasione giusta è arrivata e Jack ha risposto presente. Due gol in A e un futuro da grande. Bene, bravo, bis! GIOVANE FUORICLASSE!

HARASLIN 6 - L'altro acquisto di gennaio. Inizialmente poco spazio, dopo la ripresa ha dimostrato di essersi integrato, tra alti e bassi, al gioco della squadra. L'anno prossimo potrà crescere ancora. SPERANZA!

CAPUTO 9+ - L'anno scorso si diceva che il Sassuolo giocasse bene senza centravanti ma che avesse bisogno del centravanti. Eccolo, Caputo è stato l'uomo giusto, al posto giusto, nel momento giusto. Non solo 21 gol ma un vero capitano aggiunto al servizio della squadra. Un grande acquisto per i neroverdi, il grande bomber che manca. BOMBER!

RUSSO, TRIPALDELLI, PICCININI, GHION, MANZARI N.G.

DE ZERBI 8 – Voto alto per l’allenatore più giovane della Serie A, stesso voto della posizione in classifica del Sassuolo. Ci ha messo un po' a capire quale fosse il sistema giusto per la squadra. A novembre il passaggio al 4-2-3-1 e dopo il lockdown la squadra ha ripreso a viaggiare con il pilota automatico (già prima della sospensione i neroverdi avevano mostrato ampi progressi). Difficilmente ha schierato la stessa formazione per due gare di fila, ha fatto ammattire tutti i giornalisti con le probabili formazioni,ma ha fatto crescere tanti calciatori, simbolo perfetto dell’ottimo lavoro svolto al suo primo anno. I punti sono 51, 8 in più rispetto allo scorso anno. 8, un numero che ritorna. E' stato l'anno del DeZerbismo allo stato puro e della democrazia DeZerbiana. E' stato l'anno del "con quella faccia un po' così, quell'espressione un po' così che abbiamo noi che abbiamo visto il Sassuolo". L'anno scorso scrivevamo: "Questo è stato l’anno della semina, speriamo che il prossimo sia quello della florida raccolta". Siamo stati buoni profeti. PREDESTINATO!

Sezione: News / Data: Mer 05 agosto 2020 alle 16:37
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print