"Il Sassuolo si è smarrito" scrive La Gazzetta dello Sport in edicola quest'oggi, commentando la sconfitta della formazione neroverde in casa dell'Udinese. Llorente e Pereyra affossano le speranze europee del Sassuolo. "Il Sassuolo dà spesso l’idea di una squadra che renda di meno rispetto alle sue possibilità, anche stavolta costruisce la partita, ma viene battuto pure sul piano delle occasioni. Da 14 gare prende sempre gol: quando però non riesce a entrare in area, il verdetto non può essere diverso" commenta la Rosea.

Il Sassuolo al solito stravince come possesso, ma non come tiri in porta (7-2) e occasioni (8-2). E Consigli ha evitato all’Udinese di allargare il successo. E poi c’è anche la storia del gol sparito, quello del Sassuolo quando vede Gotti. Non si parla di reti fantasma, ormai non esistono più nemmeno qui dove ne venne assegnata una fra le più controverse (6 gennaio 2015, Udinese-Roma 0-1). Si tratta invece dello zero che hanno i neroverdi in quanto a reti segnate all’Udinese con questo allenatore, in quattro gare. All’andata (0-0) andarono in bianco con un solo tiro in porta. Forse è anche per questo, oltre che per stanchezza, che De Zerbi prova a sorprendere il rivale con le sue scelte. Ma oltre la trequarti il Sassuolo fatica ad andare, nonostante i rientri di Berardi. Manca cattiveria, voglia di sfondare. Anche quando nella ripresa entrano Caputo, Djuricic e Defrel), c’è difficoltà a trovare l’uomo smarcato al di là delle linee perché l’Udinese non permette libertà. Nel nuovo anno il Sassuolo ha vinto soltanto due partite su undici.

Sezione: News / Data: Dom 07 marzo 2021 alle 11:23
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print