L'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport apre in prima pagina con questo titolo: "Ho visto Maradona". Ovviamente la Rosea si concentra sulla clamorosa scomparsa avvenuta nella giornata di ieri del fenomeno argentino Diego Armando Maradona, definita "la morte del calcio". Un eroe eterno e drammatico delle nostre vite - si legge - se n'è andato dopo l'intervento che sembrava averlo salvato. Ora da Napoli a Buonos Aires c'è un grande vuoto.

Diego è eterno, ci sarà sempre, era già una leggenda, un dio del calcio, per molti il più grande. Resta un eroe drammatico anche adesso che se n’è andato, come una colonna sonora che ci accompagnava da sempre e si interrompe di colpo. Silenzio. Tornano migliaia di immagini, ricordi, emozioni confuse. Sembrava che anche l’ultimo dribbling gli fosse riuscito, dopo la delicata operazione alla testa per un edema cerebrale. Il ricovero d’urgenza, l’intervento nella clinica alla periferia di Buenos Aires, la convalescenza a casa. Stava meglio, ma non è bastato. Stavolta l’avversario era insuperabile.

Sezione: Rassegna stampa / Data: Gio 26 novembre 2020 alle 08:04
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print