Il Sassuolo in estate ha scommesso su Vlad Chiriches. Il difensore centrale arrivato dal Napoli doveva essere il 'sostituto' di Demiral, il difensore che avrebbe dovuto far compiere al Sassuolo quello step in più, per esperienza, carisma, personalità e visione di gioco. Chiriches ha giocato poco a Napoli ed è propenso agli infortuni ma il club neroverde lo ha ingaggiato in prestito con obbligo di riscatto per un totale di 10 milioni. Ancelotti lo ha lasciato andare non senza remore. Chiriches è un giocatore importante per costruire dal basso, proprio come piace a De Zerbi, ma gli infortuni e anche la concorrenza ne hanno condizionato l'avventura a Napoli.

Chiriches ha vissuto una 'strana' stagione in neroverde. Quattro gare consecutive da titolare, poi il nulla. Nemmeno 'Chi l'ha visto' sapeva dove fosse finito il difensore (ci permettiamo di scherzare perché, dopo 5 mesi difficile, il peggio è passato). Chiriches è tornato tra i convocati contro il Brescia, prima del lockdown. Poi ancora panchina con l'Atalanta alla ripresa e una prestazione sontuosa contro l'Inter. Calma olimpica nella costruzione, ottime chiusure e interventi (è stato saltato solo due volte, in campo aperto, una delle sue pecche, ma con esperienza Chiriches ha messo giù i suoi avversari). Ottanta minuti in campo positivi, come sottolineato da De Zerbi: "Sono contento di come ho ritrovato la squadra. Sono contento per Chiriches perché ha sofferto tanto, è un giocatore di livello alto, è stato fermo tanto e ci fa fare uno step in più. E' stato fermo tanto, non lo abbiamo mai avuto. Ha attraversato, anche mentalmente, un momento buio, perché non si capiva quando sarebbe potuto rientrare e ha fatto una partita bellissima a Milano, per noi è un valore aggiunto". Un rinforzo in più per il finale di stagione e per l'anno prossimo. La difesa neroverde ha bisogno del guerriero Vlad!

Sezione: News / Data: Sab 27 giugno 2020 alle 18:17
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print