Arno Rossini è un allenatore di calcio svizzero, che ha gestito numerosi club svizzeri, e ha rilasciato un'intervista a Tio.ch, parlando di Jens Odgaard, rientrato dal prestito al Lugano, di proprietà del Sassuolo, e ora in cerca di una nuova avventura: "E' un buon giocatore. Non ha lasciato il segno a Lugano non per colpe solo sue però. Il discorso non è semplice. In bianconero il danese non ha fatto bene, e questo è chiaro. Perché? Ha probabilmente commesso degli errori e avuto difficoltà. Il peccato originale lo ha però commesso la società ingaggiandolo".

Ancora Rossini: "Esatto, con determinate caratteristiche. Quali? È forte fisicamente ma non velocissimo, abile nel gioco aereo ma non eccelso nella “corsa”, bravo negli ultimi sedici metri… Sarebbe stato perfetto in un sistema che prevede una manovra elaborata, molti cross o comunque tante palle messe in mezzo all’area. Il Lugano di Jacobacci è invece molto “verticale”, recupera palla e in pochi passaggi arriva alla porta avversaria. Odgaard ha delle qualità, ma non è stato messo in condizione di mostrarle fino in fondo. Quel che mi fa storcere il naso è che, normalmente, prima di ingaggiare un nuovo elemento da inserire in rosa, si valuta se questo possa essere funzionale al gioco espresso dalla squadra".

LA NOVITÀ: ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL SASSUOLO SUL TUO TELEFONO (È GRATIS)

Sezione: Non solo Sasol / Data: Ven 15 gennaio 2021 alle 14:50
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print