Tre recuperi importanti, tre rinforzi per De Zerbi. Dove eravamo rimasti? Ci eravamo lasciati con l'ultima gara di campionato disputata dal Sassuolo contro il Brescia. Una vittoria netta, per 3-0, che aveva lasciato il segno, in tutti i sensi. La vittoria, i gol e l'esultanza di Ciccio Caputo che ha fatto il giro del mondo prima del lockdown. Sembra passata un'eternità ma adesso inizia un nuovo campionato. Bisogna portare a termine la stagione nel migliore dei modi, ripartendo proprio dalla fine. De Zerbi contro il Brescia era stato costretto a sostituire Berardi, Toljan e Romagna. L'attaccante e il terzino, dopo quasi tre mesi di sosta forzata, sono stati pienamente recuperati. Lo stesso non si può dire per Romagna che ha riportato un grave infortunio, al tendine rotuleo, e dovrà stare fermo per altri 7-8 mesi (già iniziata la riabilitazione presso l'Isokinetic di Bologna).

La sosta forzata è servita però per smaltire i vari acciacchi che hanno condizionato la 'prima parte' di stagione. Uno su tutti Vlad Chiriches. Il difensore arrivato dal Napoli con la formula del prestito con obbligo di riscatto (non ancora scattato) è stato convocato per la prima volta nell'ultimo match sin qui disputato, contro il Brescia. Dopo 4 gare da titolare con Roma, SPAL, Parma e Atalanta, l'ultima apparizione contro la Dea il 28 settembre, Chiriches potrebbe ripartire proprio dall'Atalanta. Il difensore si sta allenando in questi giorni con il gruppo e questa non può non essere una buona notizia per mister De Zerbi che aveva puntato molto su di lui in estate (la società dovrà versare 10 milioni in caso di riscatto). Un nuovo innesto importante per mister De Zerbi in vista del tour de force finale.

Sezione: News / Data: Mar 02 giugno 2020 alle 10:07
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print