Parola a Gian Piero Gasperini. L'allenatore dell'Atalanta ha parlato in conferenza stampa, alla vigilia del match con il Sassuolo, dicendo la sua sulla sfida di domani contro i neroverdi. Ecco le dichiarazioni del tecnico della Dea, riportate dai colleghi di Tuttomercatoweb.

Come si gestisce la vittoria con il Valencia?
"È un impegno importante quello col Sassuolo. La gara con il Valencia ha tolto energie fisiche, dobbiamo essere bravi a dimenticarla. Adesso c'è una partita importante, il campionato è fondamentale. Giochiamo contro una squadra che sta facendo bene, la sconfitta di domenica è stata immeritata. Ultimamente ha fatto dei risultati importanti, la vedo una gara difficile come tutte".

Domani cambierà qualcosa?
"Abbiamo giocato mercoledì sera, ieri c'era ancora la fatica in tanti giocatori. È stato un allenamento di ripresa, oggi sono convinto che staremo tutti bene. Dalle vittorie bisogna trarre la voglia di continuare a fare risultato. Domani ci può stare qualche avvicendamento, qualche giocatore merita di avere occasioni dall'inizio. La nostra rosa è delineata, non ho mai parlato di riserve e titolari. Dobbiamo stare attenti al Sassuolo".

È difficile rinunciare sia ad Ilicic che a Gomez?
"Anche la Juve ha difficoltà se rinuncia a Ronaldo e Dybala, o la Lazio Immobile e Milinkovic-Savic. Non ho intenzione a rinunciare ad entrambi".

Qual è stata la partita più complicata da preparare?
"Con la Roma abbiamo avuto un po' più di tempo, col Valencia un po' meno: abbiamo utilizzato più i video che gli allenamenti, abbiamo fatto anche degli errorini che potevano costarci qualcosa in più. Abbiamo fatto un'ottima gara, ma con margini di miglioramento. Quando hai solamente 3-4 giorni è chiaro che puoi provare meno".

Cosa teme del Sassuolo?
"Il Sassuolo ha un sistema di gioco simile a quello del Valencia. Hanno dei giocatori veloci in attacco".

Zapata è sembrato sottotono nelle ultime gare. Cosa ne pensa?
"Quando un giocatore sta fuori da tanto tempo può avere un'altalena di condizioni. Nelle ultime due apparizioni è sembrato un po' appannato, ma non è un problema". 

Djimsiti come sta?
"Sta bene, ha preso una forte contusione nell'allenamento di lunedì. Già giovedì aveva recuperato. Questo è il rischio quando giochi sempre, anche 24 ore fanno la differenza. Per il resto ci siamo tutti". 

Caldara?
"Anche lui ha avuto una crescita di condizione, ma è normale quando uno sta fuori per tanto tempo. Poi uno si stabilizza e torna sui suoi rendimenti normali". 

La classifica?
"Sei punti, a due giornate dal termine, possono essere un grande bottino. Ne mancano 14, non è un vantaggio determinante. Possiamo arrivare vicini ai 70 punti, come lo scorso anno. Per gli altri diventerebbe molto difficile riuscire a fare di più. Dobbiamo pensare a fare i nostri punti, se ci riusciamo dietro non possono più prenderci".

Sezione: Non solo Sasol / Data: Sab 22 Febbraio 2020 alle 14:25
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print