Prima la fine dei campionati (se si riuscirà a fare in tempo), poi le coppe da metà luglio: la Uefa ha cambiato idea e un ruolo chiave lo ha giocato Andrea Agnelli che, in quanto presidente dell’Eca, l’associazione che raduna i club più importanti del Vecchio Continente, ha un peso grande nei dialoghi con Ceferin. Il numero uno bianconero ha portato avanti le esigenze delle società che vogliono veder assegnati i titoli domestici e definite le classifiche sul campo. La volontà è quella di creare un calendario omogeneo, nel quale la ripresa dei principali 12 campionati europei sia più o meno contemporanea, ma il fatto che Champions ed Europa League verranno disputate a luglio inoltrato metterà tutti sullo stesso piano e non ci sarà... concorrenza sleale.

Come riferisce il Corriere dello Sport, anche se si riprenderà a giugno, come adesso a Nyon danno per possibile (il sogno del 2-3 maggio è sempre più lontano; idem per gli altri week end nella prima metà di quel mese), di date per finire i tornei nazionali ce ne sono: si giocherà sabato/domenica, il mercoledì e poi ancora il fine settimana. Senza sosta. Fino a che non saranno concluse le varie giornate. L’Italia è il Paese messo peggio sotto il profilo dei match da disputare (124), ma c’è fiducia di concludere, anche se un numero crescente di presidenti la pensa diversamente. A tal proposito ieri c'è stato uno scontro in video conferenza tra Lotito, che vuole tornare a tutti i costi in campo, e Preziosi, uno della corrente più prudente.

Come lui Ferrero che a Radio Radio ha detto: "Per me il campionato finisce qui". Lega e Figc non la pensano allo stesso modo. Le squadre che non saranno impegnate nelle coppe europee andranno in vacanza (al più tardi) a metà luglio; Juventus, Napoli, Atalanta, Roma e Inter vedranno prolungata la stagione magari fino alle finali di Champions ed Europa League. Da verificare le formule per assegnare i due trofei (Final Four?). 

Sezione: Non solo Sasol / Data: Mer 25 marzo 2020 alle 16:41
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print