Parola al campo. Prima però parola a Ciccio Caputo. Sono stati ufficializzati pochi istanti fa i nuovi calendari della Serie A. Subito due sfide in Lombardia per il Sassuolo, la prima contro l'Atalanta e la seconda contro l'Inter. Ciccio Caputo, bomber neroverde, ha parlato di questo e molto altro ancora a Sassuolo Channel: "Rivedere il calendario dopo un periodo così lungo e difficile sembra una piccola luce in fondo al tunnel. Non sarà sicuramente facile, lo sappiamo, ma la possibilità della ripresa è un passo importante per noi e per le persone che sono rimaste a casa".

LEGGI ANCHE: Calendario Sassuolo: orari e date delle partite fino alla quartultima giornata

Si riparte in trasferta contro Atalanta e Inter.
"Una ripartenza difficile contro due avversarie forti. Sappiamo le difficoltà che possiamo incontrare ma sappiamo che ce la possiamo giocare alla grande. Ora si riparte da zero in un clima diverso e in condizioni mai affrontate prima. Sarà sicuramente difficile ma noi come sempre proveremo a mettere in difficoltà chiunque".

Qual è stato il momento più difficile della quarantena?
"Abbiamo visto le immagini a Bergamo con le bare portate via dai militari, sembrava un'immagine surreale, lì capisci le difficoltà affrontate. Non è stato semplice parlarne e spiegarlo ai miei figli. Sono immagini forti che resteranno nella storia e spero che ne usciremo alla grande e più forti di prima.

Cosa ha lasciato questo periodo?
"Ha lasciato un segno importante. A me non è mai capitato di vivere una situazione così difficile, capisci cosa significano tante cose come la vita, il volersi bene, i sacrifici e tutto il resto. Restare in casa così a lungo non è stato facile. Era una situazione nuova per tutti ma penso che ci è servita di lezione, ha fatto riscoprire l'amore per la famiglia e tante cose che lasci indietro, quando hai una vita frettolosa, e queste sono cose, da un lato, positive".

Quali sono le sensazioni per la ripartenza?
"Abbiamo lasciato un campionato in sospeso e le sensazioni sono positive. Non è stato facile all'inizio con il protocollo che stiamo rispettando ma pian piano ci siamo adattati e stiamo rispettando tutte le regole e siamo in un momento molto positivo, la stiamo prendendo con molta consapevolezza, cercheremo di sfruttare al meglio e al massimo questo 'nuovo' inizio di campionato".

Com'è stato allenarsi a casa?
"Allenarsi a casa non è come allenarsi sul campo. Tutti i calciatori, chi più chi meno, si sono allenati per rimanere in forma, ma allenarsi in campo è diverso. Sicuramente all'inizio abbiamo fatto fatica ma è normale dopo 2 mesi in cui sei stato non fermo ma quasi, non toccavi la palla, correre sull'erba è diverso rispetto alla corsa su una cyclette. Le difficoltà ci sono state ma basta un periodo di adattamento per tornare alla forma che speriamo di trovare il prima possibile".

Ora un tour de force con 3 partite alla settimana.
"Non tutti siamo abituati a giocare 3 partite, poi si gioca anche con il caldo. Non avremo tempo di finire una gara che dobbiamo già pensare all'altra, agli spostamenti, ma cercheremo di non pensarci, c'è positività, c'è tanta voglia di tornare in campo e di finire bene la stagione".

Hai in mente una nuova esultanza?
"Non voglio annunciare nulla ma sto pensando a qualcosa. Spero di riuscire a fare qualcosa di buono anche stavolta. Ora vedremo, c'è tempo, e valuterò".

Cosa ti aspetti dal Sassuolo? E dal punto di vista personale?
"Ha lasciato una posizione importante in classifica. Contro il Brescia abbiamo fatto una grande vittoria e un bel balzo in partita. Nessuno riesce a pensare a dove possiamo arrivare ma sappiamo benissimo che partiamo tutti da zero. Bisogna essere fortunati la giusta preparazione per questo tour de force e sono convinto che abbiamo un grande staff, chi ne avrà di più farà meglio. Noi proveremo a mettere in difficoltà tutti e alla fine tireremo le somme. Dal punto di vista personale spero di raggiungere l'obiettivo che mi ha prefissato Alessandro Del Piero, ovvero i 20 gol. Io speravo di eguagliare almeno i 16 gol dell'anno scorso ma se arriveremo a 20 gol e andrò a cena con Del Piero, sarà fantastica".

Perché questo nuovo look?
"Con mia moglie e mia figlia che si sono divertite e io ho fatto un po' da cavia. E' venuto un lavoro mediocre per essere una prima volta. Ora li ho sistemati e con l'arrivo dell'estate ho voluto portare questo nuovo colore, sperando sempre in una cosa positiva, speriamo sia da forza per me per continuare quanto stavamo facendo prima dello stop".

LEGGI ANCHE: SASSUOLO A E SASSUOLO B PRONTE AD ALTERNARSI: LE DUE IPOTESI DI FORMAZIONE

Sezione: News / Data: Lun 01 giugno 2020 alle 19:39
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print