Roberto De Zerbi, allenatore del Sassuolo, ha parlato dalla sala stampa del Mapei Stadium dopo il 2-2 odierno contro il Cagliari. Ecco le sue dichiarazioni in sala stampa.

Partita dominata e arriva solo un punto. Riesci a darti una spiegazione?
"Parlavo prima alla Radio. In questi casi, siccome nel mondo del calcio parliamo per frasi fatte, in questi casi si dice mancanza di cattiveria, di cinismo. Si cerca sempre di cercare una giustificazione che oggi non c'è. Abbiamo preso il primo tiro in porta al 90' da Ragatzu perché il gol di Joao Pedro non è un tiro in porta, hanno difeso benissimo, hanno lottato con una cattiveria agonistica che magari l'avessimo avuta sempre. Abbiamo creato tanto, sbagliando un calcio di rigore creando partendo da dietro. Non so come giustificare il pari: il calcio è questo, è bello anche per questo".

Turati a Torino era stato bravo a Torino, oggi ha responsabilità sui due gol. Lei si rimprovera questo sotto questo aspetto?
"Turati ha giocato perché Consigli non sta bene e Pegolo, lo staff medico non mi ha detto che non è utilizzabile: cosa dovevo fare? Si poteva anche aspettare questo, non vedo grandissimi errori. Se avessi potuto l'avrei tenuto sotto la mia ala protettrice perché il calcio ti esalta e ti annienta in pochi giorni. Secondo me ha fatto bene anche oggi. Al di là dell'episodio del gol, non ho nulla da rimproverargli. Se avessi potuto lo avrei tenuto vicino a me per tutelarlo. Stamattina gliel'ho detto: è più difficile confermarsi che affermarsi. Domenica si è affermato, oggi si è confermato. Magari avessimo tanti giovani come Turati".

Si poteva fare qualche cambio in maniera diversa, tipo Duncan?
"Sicuro si poteva fare altro, poi non siamo sicuri se altro avesse pagato. Traoré ha fatto bene quando è entrato, ha lo strappo nelle sue caratteristiche che Duncan non ha e qualche volta ne abbiamo beneficiato. Il cambio Marlon-Peluso è stato obbligato, Marlon ha avuto un risentimento, una contrattura. Poi Obiang nel finale per alzare i centimetri. Poi ha avuto ragione Maran perché ha messo Ragatzu e ha pareggiato la partita".

Il bilancio tra punti meritati e conquistati resta in passivo. Poi se le va di dire qualcosa su questo Cagliari miracoloso.
"Sul dare e avere, non lo so. Fate voi le vostre valutazioni che forse siete anche più obiettivi di me perché io sono parte in causa. Il Cagliari è una squadra forte e organizzata, si merita di stare là. Se parliamo della partita di oggi, oggi abbiamo fatto meglio noi". 17.37 - Termina la conferenza stampa.

Sezione: News / Data: Dom 08 dicembre 2019 alle 17:45
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print