L’emergenza Coronavirus ha portato allo stop dei campionati e ad oggi il futuro è ancora incerto. In caso di lockdown, ovvero di sospensione definitiva delle competizioni, alle ingenti perdite legate a biglietti e diritti televisivi si aggiungerebbe anche la drastica svalutazione delle rose. Secondo uno studio condotto dal CIES, basato su durata dei contratti, età, ultime prestazioni e andamento della carriera dei 20 calciatori più quotati di ogni squadra, è risultato che i club dei top cinque campionati europei perderebbero in media il 28% del valore. La Serie A sarebbe il torneo più colpito, con un calo complessivo della valutazione di 2.9 miliardi di euro (da 10.6 a 7.7).

Anche il Sassuolo andrebbe inevitabilmente a pagare le conseguenze di questa crisi: il valore dell’organico passerebbe dagli attuali 222 milioni ai 157 previsti per giugno, diminuendo del 29.3% sul totale. Quella dei neroverdi non è però la situazione peggiore, il dato è infatti in linea con la media Europea e con società come il Bologna, la Sampdoria o il Torino, mente l’Inter potrebbe veder andare in fumo 276 milioni di euro in pochi mesi. Siamo perciò tutti sulla stessa barca, ed al netto delle ripercussioni economiche dovute al Covid-19, non ci si potrà certo aspettare un mercato di altissimo
livello.

Va però detto, che se da un lato la svalutazione, per i tanti giovani del Sassuolo, potrebbe essere minore rispetto a chi ha in rosa giocatori più navigati, dall’altro la generale mancanza di liquidità da investire nel mercato potrebbe essere penalizzante per la società neroverde. Il club di Carlo Rossi ha infatti da sempre fatto leva su cessioni importanti, in grado di fruttare plusvalenze utilissime, ma se gli altri club non saranno disposti ad aprire i portafogli per acquisti onerosi, difficilmente il Sassuolo potrà incassare dalle partenze come negli anni passati. Con un’eventuale sospensione definitiva dei campionati quindi, il crollo delle valutazioni comporterebbe un danno economico non indifferente, anche per il Sassuolo.

Sezione: News / Data: Mer 01 aprile 2020 alle 16:37
Autore: Giovanni Fiori
Vedi letture
Print