Il Sassuolo Primavera ha perso una grande chance. Dopo la splendida vittoria in casa della capolista Roma, i Neroverdini, nella sfida interna con il Lecce, hanno avuto una grande occasione per balzare al primo posto in coabitazione con Torino e Roma, ma hanno perso per 3-2. Eppure, la rimonta è stata alla portata dei giocatori di mister Bigica. Trascinati dal solito Kevin Bruno, autore di una doppietta che lo ha portato a quota 11 gol in campionato (capocannoniere), i giovani talenti del Sasol hanno sfiorato l'impresa e hanno avuto una ghiotta opportunità per trovare il 3-3, con una buona 20ina di minuti ancora da giocare. Insomma, sarebbe potuto succedere di tutto.

SCELTI DA SASSUOLONEWS:

La lista suppletiva dei giovani svincolati dai club: la scelta del Sassuolo

Nuovi Raspadori crescono: i 5 talenti del Sassuolo su cui scommettere

Kevin Bruno: "Grazie Sassuolo, sogno la A con mio fratello. Kakà idolo"

L'occasione è ovviamente il calcio di rigore fallito da Luca D'Andrea al 64', due minuti dopo il 2-3 di Bruno. Cose che capitano, ci mancherebbe altro. "Non è da questi particolari che si giudica un giocatore"...Il rigorista della squadra però è Kevin Bruno. Il classe 2005 aveva in mano il pallone e la possibilità di fare tripletta (oltre che 3-3) ma D'Andrea gli ha chiesto di poter tirare e il talentino neroverde, senza cadere nel trappolone delle brutte sceneggiate che si vedono anche sui campi più importanti con la lite tra compagni, ha lasciato l'incombenza al 2004 neroverde, già 5 presenze in A, reduce da una tripletta bellissima contro la Roma. Rimane però il rimpianto per quello che sarebbe potuto essere e invece non è stato. Siamo sicuri che Luca si riscatterà già la prossima settimana ma la prossima volta però difficilmente vedremo ancora Bruno rinunciare al calcio di rigore...

Sezione: Settore Giovanile / Data: Mar 24 gennaio 2023 alle 15:06
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
vedi letture
Print