La Primavera neroverde aveva ancora tutte le carte in regola per togliersi delle soddisfazioni, vedendo la zona playoff a pochi punti di distanza dal nono posto occupato al momento dello stop. È stata comunque una stagione all’insegna dalla crescita, che ha visto diversi ragazzi dell'under 18, come Alessandro Mercati, esordire nella formazione di Turrini. Classe 2002, si è approcciato al mondo del calcio giocando a Castelnovo ne’ Monti grazie al Progetto Montagna, dove ha da subito ricevuto offerte da Sassuolo, Bologna e Juventus. Prima di scegliere la sua nuova destinazione ha preferito terminare le elementari tra le fila della sua prima squadra, per poi spostarsi, una volta arrivato alla scuole medie, nel settore giovanile del Sassuolo.

Da qui è cominciata la trafila delle giovanili, che lo ha portato a esordire con la Primavera. Trequartista di nascita, sa adattarsi come mezzala, e grazie ai miglioramenti ottenuti sotto la guida del mister Mandelli ai tempi dell’under 16, ha aggiunto al suo bagaglio tecnico anche le qualità per giocare da numero 10. In campo il tiro dalla distanza non gli manca (il gol da 40 metri al Livorno dell’anno scorso ne è la prova), come non manca mai, fuori dal campo, il sorriso. Fra i compagni di squadra ha legato molto con Aurelio, Vitali e soprattutto con Brian Oddei.

Anche a scuola i risultati sono buoni, e l’idea, una volta terminato il liceo scientifico, è quella di studiare storia all’università. Il suo idolo, direttamente dal Manchester United, è Paul Pogba, mentre nutre grande ammirazione anche per Nicolò Zaniolo, esploso la scorsa stagione alla Roma. Per arrivare ai livelli dei suoi beniamini sa che dovrà lavorare ancora molto, ma sempre con il sogno di poter un giorno esordire in Serie A, magari con la maglia di quel Sassuolo che lo ha accolto diversi anni fa.

LEGGI ANCHE: Alessandro Mercati: "Sassuolo grande club. Prima squadra un sogno ma devo pedalare"

Sezione: Settore Giovanile / Data: Dom 24 maggio 2020 alle 16:24
Autore: Giovanni Fiori
Vedi letture
Print