Francesco Palmieri, responsabile del Settore Giovanile del Sassuolo ha tracciato un bilancio dei suoi 5 anni a Sassuolo e ha parlato anche dei webinar organizzati per i giovani durante la quarantena. Ecco le sue parole a Nero&Verde, riportate da SassuoloNews.net: "E' una cosa strana un po' per tutti. Penso che in tutto il mondo c'è un'incertezza grande. Noi siamo riusciti a organizzarci nel nostro piccolo, provando a fare dei percorsi formativi con i ragazzi e per i tecnici, per cercare di dare un senso a quanto c'era stato prima della sospensione. Ci siamo attivati, abbiamo dato dei piccoli lavori per i ragazzi, abbiamo fatto degli incontri formativi con i ragazzi che sono stati nel mondo del calcio, credo siano stati utili per noi e per i ragazzi. Abbiamo fatto degli incontri con altri personaggi del calcio per far sì che si capisca come lavorano le altre società, con altri personaggi che hanno fatto cose importanti nel calcio, come Bruno Conti che ha vinto il Mondiale, Viscidi che è il coordinatore delle Nazionali giovanili. Abbiamo cercato di fare tante cose per cercare di programmare il domani che è ancora un punto interrogativo, sperando che la ripresa si avvicini".

Riprenderanno i campionati?
"Si spera che la Serie A possa ripartire per le problematiche varie, per dare un senso e poi perché si rischia qualcosa di grosso. Il campionato Primavera non ha i requisiti per ripartire, per i protocolli che stanno facendo in Serie A credo sia da non prendere neanche in considerazione".

Tracci un bilancio dei suoi 5 anni a Sassuolo.
"Personalmente penso che abbiamo fatto un ottimo lavoro. Raspadori e Turati hanno giocato in Serie A, altri sono stati inseriti in pianta stabile in Serie A. Poi ci sono Oddei, Pellegrini, Manzari, tanti altri. Noi dobbiamo insegnare un certo tipo di calcio e mentalità per farli arrivare nel mondo dei grandi. E' una soddisfazione vederli crescere e credo che in questi 5 anni, senza volerci prendere dei grandissimi meriti, delle grandissime lodi, penso che il settore giovanile del Sassuolo sia cresciuto tanto e se ne sono accorti tutti. Abbiamo impostato il lavoro per far crescere tutti".

E il futuro?
"Il futuro non dà certezze. Il Sassuolo Calcio è una società che non ha mai messo in discussione niente, sotto nessun aspetto. L'amministratore delegato in primis ha avuto un occhio di riguardo per il settore giovanile. Si spera si possa normalizzare il tutto per creare le basi per la prossima stagione. L'incertezza c'è e ci fa attendere su quelle che possono essere le scelte da fare e sui programmi. Speriamo che tutto si possa risolvere ma se non lo sanno gli scienziati io faccio fatica a dire qualcosa visto che non ho competenze, quindi penso a fare il mio e non mi permetto di intervenire su aspetti che non mi competono".

Sezione: Settore Giovanile / Data: Mar 19 maggio 2020 alle 18:19
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print