Una bella chiacchierata con Ciccio Caputo. L'attaccante del Sassuolo è stato il protagonista della puntata del format ’15 secondi con…’ in esclusiva su Cronache di Spogliatoio, e ha risposto a 5 domande, ognuna il tempo di una Instagram stories, raccontando se stesso e la vita dentro al campo. Ecco le sue parole.

Il primo ricordo legato al calcio?
"Il mio primo ricordo legato al pallone è insieme a un mio amico d’infanzia, andavamo a giocare nel campetto in terra battuta ad Altamura in Puglia, nel mio paese. Ci facevamo accompagnare in macchina da un vecchietto di passaggio".

E il primo poster?
"Il primo poster che ho avuto in camera, invece, è stato di Alessandro Del Piero: il mio idolo, il mio mito, il mio giocatore preferito".

Il rito scaramantico più assurdo che hai visto fare?
"Il rito scaramantico più assurdo che ho visto nello spogliatoio è farsi la doccia ghiacciata prima della partita. Non la farei mai".

Cosa ascolti prima di entrare in campo?
"Prima di entrare in campo non ascolto una canzone in particolare, ma la scelgo ogni volta in base alla gara e al momento che sto vivendo".

Qual è stata la prima persona che hai chiamato dopo la firma sul primo contratto da pro?
"La prima persona che ho chiamato dopo la firma del mio primo contratto da professionista è stato il mio primo allenatore, che ha sempre creduto in me".

LEGGI ANCHE: De Zerbi coccola Caputo: "Con lui possiamo raggiungere un sogno, senza no"

Sezione: News / Data: Gio 14 gennaio 2021 alle 18:18
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print