La Roma l'ha cresciuto e ora lo segue con attenzione perché ha un diritto di recompra dal Sassuolo (a cui lo ha ceduto nel 2017) che scade a giugno. Ci vorrebbero 18 milioni per riportare alla base il centrocampista classe 1999. Un prezzo che il management giallorosso considera alto, ma dopo la pandemia ci sarà la spending review e tutto - anche i cartellini - potrebbe avere un nuovo valore. Davide Frattesi parla così al Corriere dello Sport. "Sarebbe un sogno. Ci penso spesso. Quando nasci romano e romanista non vorresti mai andartene".

Che ricordi ha delle giovanili?  
"Trigoria è casa mia. In Primavera ho vinto Supercoppa e Coppa Italia, sfiorando lo scudetto insieme a Luca Pellegrini, Tumminello, Marchizza e altri. Alberto De Rossi è stato un secondo padre per noi. Non perdeva mai la pazienza".

Come procede la quarantena?  
"Sono qui a Empoli con la mia ragazza, mio fratello Luca e mamma Sonia che si sta allenando insieme a me. Papà Paolo, invece, è rimasto a Roma con mia sorella Chiara. Non mi lamento, noi calciatori siamo una categoria privilegiata".

Molti credono sia il caso di annullare la stagione… 
"Io sono per ricominciare da dove abbiamo interrotto, ma solo quando non ci saranno più contagi da Coronavirus. Che sia pure in estate, nessun problema. Questo però è il momento della solidarietà, dobbiamo aiutare chi sta soffrendo".

Al momento dello stop 27 presenze e 5 gol con l'Empoli, dove sta giocando in prestito. Una grande stagione.  
"A inizio anno ero un po’ titubante di restare in Serie B. Ad Ascoli avevo fatto 30 presenze… e poi quel Mondiale Under 20 da protagonista. Insomma, le mie aspettative erano alte. Poi ho capito che Empoli è un posto davvero speciale, perfetto per me". 

Con l'Under 20 siete arrivati a un passo dalla finale.  
"È stata un’emozione unica. Peccato non aver vinto quel Mondiale".

E la storia degli spartani?  
"È nata dal mister, il nostro Leonida. Sulla chat di squadra ci mandava spezzoni del film “300” per caricarci. Noi eravamo il suo esercito. È una storia bella perché in Under 21 stiamo mantenendo la tradizione. Sono molto legato a Nicolato che mi allena da 4 anni in azzurro". 

Dica la verità: si aspettava un’opportunità dal Sassuolo?  
"Sì. Però hanno fatto la scelta giusta a mandarmi in prestito. Mi sta servendo questo anno di esperienza". 

In cosa si sente migliorato?  
"Tutti parlavano dell'Empoli come la squadra da battere. Avere l’obbligo di vincere sempre ti cambia la mentalità. Sento di essere più calmo e completo". 

Il suo idolo?  
"Ogni bambino romanista cresce col mito di Totti, ma da centrocampista dico Daniele De Rossi. Allenarmi insieme a lui è stato pazzesco. Per la mia maturazione sono stati importanti anche Paolo Cannavaro, Magnanelli, Matri e Marchisio".

Un calciatore a cui si ispira nel suo ruolo?  
"Il più forte è De Bruyne. È perfetto in tutte le zone del campo, talmente forte da essere imbarazzante. Io comunque, a parte il City, non seguo il calcio in tv. Preferisco un match di Federer, ad esempio. Il tennis e il padel sono i miei “hobby terrestri” preferiti". 

Volendo esiste anche il cielo. Quando guarda le stelle cosa sogna?  
"Segnare almeno 8 gol quest’anno. E vincere un trofeo con la maglia della Roma". 

Sezione: Calciomercato / Data: Gio 02 aprile 2020 alle 18:34
Autore: Redazione SN / Twitter: @sassuolonews
Vedi letture
Print