L'asse tra Sassuolo e Juventus è molto caldo, e sono infatti diverse le trattative in ballo. I due club, che da anni ormai lavorano spesso in sinergia sul mercato, sono infatti in contatto per vari giocatori. Il primo è Merih Demiral, il centrale difensivo turco che in Emilia ha dimostrato di avere grandissime qualità, non solo difensive, che dopo essere approdato in neroverde a gennaio per 7 milioni di euro, dovrebbe passare a Torino per 15 milioni. Inoltre, ieri, a Palazzo Parigi di Milano si è svolto un incontro tra lo juventino Fabio Paratici e Giuseppe Riso, agente di Stefano Sensi. Il centrocampista, perno della mediana di De Zerbi che piace da tempo alle milanesi, potrebbe invece passare alla Juventus.

OKEREKE - Durante il colloquio si è parlato anche della possibilità che però l’azzurro non rimanga in bianconero, ma che venga girato ad una terza società. Un altro affare che potrebbe prendere piede è quello legato a David Okereke, attaccante dello Spezia particolarmente apprezzato dalla Vecchia Signora, anche a fronte dell’ottima stagione disputata, con 10 reti e 9 assist (cifra parecchio alta per un giocatore così votato al gol) in 30 presenze. Nell’operazione per raggiungere il classe ‘97, che verrebbe portata avanti in sinergia tra Sassuolo e Juventus, avrebbe un ruolo anche un ex Juve, ovvero Alessandro Tripaldelli ma sull'attaccante ci sono soprattutti club esteri.

TRIPALDELLI - Il ragazzo è ora di proprietà neroverde, in questi giorni si sta giocando il Campionato Mondiale con la rappresentativa U20, e potrebbe essere una pedina importante nell’affare legato al nigeriano dello Spezia. C’è infatti la possibilità che in Liguria approdi proprio l’esterno della nazionale guidata da Paolo Nicolato. È un asse veramente caldo quindi quello tra Sassuolo e Torino, con diversi giocatori coinvolti in trattative che potrebbero svilupparsi nel corso del lungo calciomercato estivo, occupando per un pò le scrivanie delle rispettive dirigenze.

Sezione: Calciomercato / Data: Sab 8 Giugno 2019 alle 16:59
Autore: Antonio Parrotto / Twitter: @AntonioParr8
Vedi letture
Print